ugg firenze mostre Napoli 2014

ugg.com mostre Napoli 2014

Il Pan di Napoli si prepara ad un’importante mostra su Andy Warhol, curata da Achille Bonito Oliva e organizzata da Spirale di Idee, dal titolo Andy Warhol. Vetrine. L’esposizione dal 18 Aprile al 20 Luglio 2014 sarà allestita con 180 opere dell’artista, focalizzandosi sul periodo in cui, chiamato da Lucio Amelio mecenate, collezionista e gallerista di Piazza dei Martiri 58, Andy Warhol lavorò a Napoli. Il titolo della mostra ci rimanda a due aspetti: uno biografico, di quando nel 1949 Andy Warhol trasferitosi a New York lavorò come vetrinista e grafico pubblicitario, l’altro simbolico in quanto Napoli è vetrina, micro mondo in una città che si mostra in tutta la sua carica spiazzante, underground e vivace, tradizionalista e omologata, così simile ai sobborghi e ai salotti newyorkesi.

Nel genere del ritratto, abbandonato per un breve periodo, Warhol dimostra la superficie delle cose. Tutti ne erano “vittima”, almeno nella sua arte. Così anche Lucio Amelio, quando nel 1976 chiamò Warhol a Napoli, divenne il soggetto dei suoi famosi ritratti. Il gallerista vestito di colori pastello nelle teatrali pose sembrava snaturarsi e non essere più lui. Per tre giorni soggiornò a Napoli, entrando in contatto con le neoavanguardie, teorizzate proprio da Achille Bonito Oliva e con il concettualismo europeo. Fiorirono interessanti confronti artistici destinati a lasciare il segno, come quello con il tedesco Joseph Beyus(presentatogli dallo stesso Lucio Amelio), la sua più perfetta antitesi ideologica e artistica.

In mostra al Pan, oltre alle opere precedenti il soggiorno a Napoli come la Campbell’s Soup, la storica serie Marilyn del 1967 , Camoufflage e Golden Shoes del ’55, le scarpe preziose dedicate alle star, feticcio del corpo femminile, troverete l’opera Hammer and Sickle (oggi alla Gnam di Roma), che Warhol realizzò per la Castelli Gallery sotto il titolo di Natura Morta. L’opera appartiene ad una serie che non venne mai completata per i costi troppo elevati. Lontana dal significato politico, il simbolo del comunismo ricorda quegli anni di Guerra Fredda tra America e Russia e che teneva sotto scacco l’Europa. Warhol interpreta la falce e il martello, lasciando i colori simbolici del rosso e del bianco, ma riportando il simbolo alla sua realtà. L’opera in acrilico e inchiostro su tela è stata realizzata dal vero copiando la fotografia. La presenza reale dell’oggetto, in cui la società si identifica, è rappresentata dalla pesante ombra nera.

L’uso della polaroid, entrata a tutti gli effetti tra le tecniche artistiche di Warhol, dà vita alla serie Ladies and Gentlemen del 1975 o anche detta “Drag Queen Paintings” poichè ritrae i travestiti di New York. In mostra sarà affiancata ai disegni realizzati a partire dalle fotografie del tedesco Wilhelm von Gloede, di cui Amelio acquistò l’archivio. Amelio organizzò la mostra in cui sia Warhol che Beuys avrebbero dovuto intervenire sulle foto: Andy Warhol lo fece ricalcando a matita i contorni dei famosi nudi. Sempre con la polaroid sono state fatte le 22 vedute di Napoli della serie Napoliroid.

Il 1980 la storia della Campania fu segnata da un tragico evento: il terremoto dell’Irpinia. Fu per questo che all’indomani Amelio chiese a Warhol e Beuys di fondere la loro creatività per un’opera ricordo. Il 26 Novembre, tre giorni dopo, Warhol reinterpretò la prima pagina del Mattino di Napoli con il titolo Fate Presto, per incentivare la tempestività dei soccorsi e svegliare l’opinione pubblica. L’opera, di grande formato (tre volte tanto la pagina del quotidiano) fa parte delle headlines painting, reinterpretazioni dei giornali in cui il disastro rimbomba nelle immagini reali dell’evento differenziandosi solo per le variazioni cromatiche. E’sempre in ricordo del terremoto che nel 1985 Lucio Amelio volle organizzare una mostra al Museo Capodimonte. Warhol presentò la famosa serie di 18 serigrafie dal titolo Vesuvius , partendo da un’immagine ottocentesca, in cui protagonista è l’eruzione del Vesuvio visto in diversi momenti della giornata.

Napoli come il Vesuvio, ma anche come New York: città cosmopolita proprio per la forza nascosta che conserva nelle sue viscere, che al di là di qualsiasi simbolo culturale e nonostante lo spettacolarizzazione non si allontana mai dal sentimento.

Così Warhol scrisse sul Mattino, lasciandoci una preziosa testimonianza:

Amo Napoli perché mi ricorda New York, specialmente per i tanti travestiti e per i rifiuti per strada. Come New York è una città che cade a pezzi, e nonostante tutto la gente è felice come a New York. Quello che preferisco di più a Napoli è visitare tutte le vecchie famiglie nei loro vecchi palazzi che sembrano stare in piedi tenuti insieme da una corda, dando quasi impressione di voler cadere in mare da un momento all’altro. A Napoli c’è anche il pesce migliore, la migliore pastasciutta
ugg firenze mostre Napoli 2014