ugg scontatissimi le iniziative dell’Arci nei territori

amazon ugg le iniziative dell’Arci nei territori

In questo preciso momento nel mondo sono 67 gli Stati coinvolti in conflitti e circa 780 i diversi ‘eserciti’ sul campo, comprensivi di forze armate ‘regolari’, milizie, guerriglieri, gruppi terroristi, separatisti, anarchici. Ogni volta che decidiamo di parlare di qualcuna di queste guerre stiamo implicitamente decidendo di sottacere le altre, di comporre una sorta di ordo pietate nei confronti delle vittime. Eppure tutte producono caduti, perseguitati, martiri, in numero sempre maggiore tra i civili piuttosto che tra appartenenti ad altre divise.

L’Arci parteciperà alla manifestazione nazionale del 25 novembre indetta da Nonunadimeno a Roma in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne. Inoltre, nei giorni precedenti e successivi, nei territori i circoli e i comitati Arci promuoveranno presidi, incontri e dibattiti su questo tema. Di seguito un elenco parziale delle iniziative.

Arci Firenze promuove, con la Casa del Popolo Grassina e con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli,
ugg scontatissimi le iniziative dell'Arci nei territori
una serata di libri, cibo e teatro. Alle 18.30 incontro con la scrittrice Monica Sarsini sul libro Alice nel paese delle domandine. Racconti dal carcere di Sollicciano, che raccoglie i contributi delle detenute che hanno partecipato ai suoi corsi di scrittura creativa all’interno della struttura fiorentina.

Dopo l’aperitivo, alle 21 ci sarà lo spettacolo Cosa mia, uno spettacolo di BlancaTeatro di Virginia Martini con Antonio Branchi, con la collaborazione tecnica di Beatrice Ficalbi, prodotto da Occupazioni Farsesche e BlancaTeatro. Ingresso gratuito.

Palermo Il Teatro Atlante presenta domenica 26 novembre alle 19 Onora la madre di e con Preziosa Salatino, regia di Emilio Ajovalasit.

Annina è una donna del Sud, una donna come tante, vittime spesso inconsapevoli di condizionamenti sociali violenti, di intrighi, di un sistema patriarcale tutt’altro che superato.

Al racconto di Annina fanno fugacemente eco parole e frasi della regina Gertrude. Molte le analogie fra le due donne, entrambe al centro di giochi di potere gestiti da uomini, e impegnate in un difficile rapporto con i giovani figli. In un sistema culturale nel quale i condizionamenti sociali hanno una forza capace di sovvertire persino i legami famigliari, il confine fra i vivi e i morti può essere più labile di quanto appaia. (Movimento Incontro Ascolto) e l’Associazione Mine Vaganti.

Siena Per tre giorni,
ugg scontatissimi le iniziative dell'Arci nei territori
dal 24 al 26 novembre, il circolo Arci Ravacciano sarà riempito di scarpe rosse come simbolo del numero delle violenze, delle morti e dei maltrattamenti che le donne hanno subito nel corso della loro vita. Ogni paio di scarpe rappresenta una storia di paura, ma ancor di più caratterizza l’enorme forza di volontà di voler combattere questa paura e questo dolore.

Il 26 novembre alle 17 ci sarà la proiezione del film La sposa bambina di Khadija Al Salami.

San Severo (FG) L’Arcidonna circolo ‘Elsa Morante’ di San Severo (FG) ha organizzato per il 25 novembre alle 17 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale ‘A. Minuziano’ una tavola rotonda per informare le donne sulla maniera più giusta per difendersi, considerando anche l’aumento del fenomeno odioso (e complesso) della violenza sessuale. Poiché sono nati un po’ dovunque ‘corsi di autodifesa femminile’ come contromisura alla molestia ed alla violenza contro le donne, serve prendere coscienza del fatto che il mito della donna debole è un prodotto culturale più che un fatto naturale.

Programma completo con intervento dei relatori sulla pagina fb Associazione Arcidonna circolo ‘Elsa Morante’ San Severo.

Corato (BA) La vicenda della giovane fasanese Palmina Martinelli, 14enne di Fasano che nel 1981 morì dopo 22 giorni di agonia dopo essere stata avvolta dalle fiamme nella sua casa, è al centro dello spettacolo Palmina Amata Terra mia con Barbara Grilli e regia di Giovanni Gentile, che verrà rappresentato a Corato per parlare di violenza sulle donne.

Lo spettacolo è organizzato da Reteattiva, rete composta da Abracadanze, Agorà 2.0, Arci La locomotiva, Centro aperto diamoci una mano, Cicres, Harambè,
ugg scontatissimi le iniziative dell'Arci nei territori
Legambiente, Pax Christi e si tiene il 23 novembre alle 18.30 presso l’auditorium del liceo artistico ‘Stupor Mundi’.

Rho (MI) Per la violenza sulle donne non c’è ‘Nessuna scusa’: lo ribadiscono l’Arci Adua di Rho e il suo gruppo Arcichedonne con una serata dedicata al contrasto della violenza di genere. In anteprima nazionale il 23 novembre viene presentato il progetto/spettacolo di contrasto alla violenza di genere NessunaScusa, all woman show di e con Alessandra Magrini con Antonio Carboni alla chitarra.

Ad aprire l’evento le poesie a cura del Movimento Alt!. Giovedì 23 novembre con la proiezione del documentario Punto di non ritorno Before the Flood diretto dal regista premio Oscar Fisher Stevens e prodotto da Leonardo Di Caprio, e venerdì 24 novembre con la proiezione del film drammatico di Fiorella Infascelli Il vestito da sposa con Maya Sansa e Andrea Di Stefano, tornano i Nonantola Film Labs, ovvero gli appuntamenti ‘fuori programma’ del Nonantola Film Festival, organizzato dall’omonima associazione affiliata Arci.

Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso gratuito e si terranno presso la Sala Cinema Teatro Massimo Troisi di Nonantola con inizio alle ore 21.

Barletta (BT) Il 24 novembre alle 20.30 presso il Growlab sarà presentato in anteprima il cortometraggio Undici della regista pugliese Cinzia De Vincenziis. Il cortometraggio affronta il tema della violenza sulle donne ed è dedicato alla memoria di Sara Di Pietrantonio, brutalmente uccisa dal suo ex fidanzato, condannato poi all’ergastolo per l’omicidio.

Durante la serata saranno proiettati anche i primi due cortometraggi della regista (In un momento sono sfiorite le rose e Sublimazione) e si terrà un dibattito con l’artista e con le attiviste del centro antiviolenza ‘Osservatorio Giulia e Rossella’ di Barletta.

Ingresso gratuito con tessera Arci.

Sassari Un drappo rosso per dire No alla violenza di genere. Venerdì 24 novembre, alle 10, la presidente del Consiglio comunale Esmeralda Ughi e il sindaco Nicola Sanna esporranno dal terrazzo delle bandiere del Municipio il telo dal forte valore simbolico riconosciuto a livello nazionale. Venerdì il simbolo sarà esposto anche fuori dalle sedi di numerosi Enti, tra cui il Palazzo della Provincia, dell’Università, la Fondazione di Sardegna,
ugg scontatissimi le iniziative dell'Arci nei territori
i musei, la Cgil, l’Arci e in alcune associazioni.