ugg jimmy choo Decido di non pagare il pizzo ai parcheggiatori

ugg clog boots Decido di non pagare il pizzo ai parcheggiatori

Sarà già stato fatto presente che sul litorale laziale il racket dei parcheggiatori è sempre pronto a pretendere due spicci anche se il parcheggio te lo trovi da solo. Sta di fatto che ieri giornata di festa, ferragosto, arrivo dopo un ora di viaggio e trovo per la prima volta un parcheggio vicino al lido che frequento di solito. Decido che IO il PIZZO non lo pago!!! Si perché questo si chiama pizzo: 2 euro a loro o la tua auto potrebbe subirne le conseguenze! Difatti la mia conseguenza: vetro spaccato e non avendo nulla di prezioso da prendere rubano le scarpe al mio ragazzo! (Fortunatamente il paio vecchio e rovinato ) . Roba che nemmeno Tony Ciccione dei Simpson farebbe certe cose! Voglio far presente che oltretutto di sabato 16 agosto me lo trovate voi un carrozziere aperto a roma!

Ora sono a casa dopo una giornata passata a girare per la tiburtina e per la casilina senza alcun risultato!

Sono i fuori Roma. Vivo a Roma da quasi 10 anni e dopo moteplici soprusi subito da persone arroganti, parcheggiatori che volgio il pizzo, Zingari, sportellate alla mia macchina nei parcheggi, ristoratori ladri e presuntuosi, servizi e cibo di scarsa qualit a prezzi altissimi (giustificati con la solita frase “perché sei a Roma, la citt pi bella del Mondo!!”) ho deciso da quasi un anno che i miei soldi e il mio tempo libero lo passo fuori Roma (Castelli Romani per il cibo, Civitavecchia per una giorata al mare a meno di un di treno, Abruzzo per Montagne e aria fresca a un e mezza di macchina). Per cambiare questa citt bisogna cambiarne le persone, Romani e noi non Romani che veniamo a viverci inclusi! Quindi la soluzione per me é far provare a tutti l della difficolt di guardagnarsi la giornata . ovvero, a Roma non deve venirci pi nessuno e secondo me il modo di essere delle persone torner come era 30 anni fa, rispettoso, amichevole e disponibile!

Secondo chi commenta per andare al mare dovremmo essere pronti a spaccare la testa ad una persona con un manganello, o imparare a truffare la nostra assicurazione che ad ogni modo dovremmo aver previsto per furto, incendio, atti vandalici e cristalli . o addirittura non andare al mare con il mezzo che meglio crediamo! Praticamente stiamo ammettendo che avere queste situazioni in citt sia normale, ammissibile ed accettato! Mi viene in mente che il primo problema di Roma sono le persone che ci vivono : (

Non c Casa Pound a Ostia? mi dispiace, capisco bene quanto puoi essere amareggiata e infuriata.

In italia ci sono tanti luoghi turistici/di culto dove il fenomeno dei posteggiatori,
ugg jimmy choo Decido di non pagare il pizzo ai parcheggiatori
accattoni, zingari etc. è stato stroncato (senza uso di violenza) sul nascere, quindi non è presente.

Quando arriva uno degli elementi su citati, lo fanno sloggiare subito senza “se” e senza “ma”, le leggi ci sono per poterlo fare.

Ho letto solo la metà dei commenti e tutto quello che mi viene da dire è che mi pare ovvio che continuiamo a vivere in un simile: a quanto pare tutti la trovano una cosa normale e piuttosto che appoggiare l di Martina (facessero più persone così prima o poi questi si stancherebbero di rompere macchine)trovano più ragionevole evitare il problema. Come a dire se piove non mai al mare, ma qui non si parla di pioggia, si parla di veri criminali. è la testa della gente che deve cambiare prima di tutto il resto.

Cara Martina, mi dispiace per quello che hai dovuto subire ma sei stata una grande!! La violenza non risolve nulla e rischi anche di passare dalla parte del torto. La racconto qui come sfogo.

Tempo fa ho lasciato la macchina parcheggiata poche ore in una normalissima via di Roma (zona Montesacro), dimenticandomi però di staccare dal parabrezza il braccino a cui si attacca il navigatore satellitare, che per fortuna porto sempre con me.

Risultato: un vetro rotto e un danno economico per me rilevante.

Quando ho raccontato l in ufficio mi sono sentito dire “ovvio, ti hanno rotto il vetro perchè hai lasciato il braccino e qualcuno ha pensato che nella macchina ci fosse il navigatore!”.

Non so dire quanta rabbia mi abbia fatto provare quel “ovvio”. Più del danno stesso.

Ogni volta che vado a passare un paio d a Ostia, ai Cancelli, lungo la litoranea vedo diverse auto della Guardia di Finanza o della Polizia. Anche stamattina c un della polizia ferma: mi domando cosa facciano, cosa controllino, come sia possibile che non riescano ad eliminare il fenomeno delle estorsioni, visto che a praticarle sono sempre i soliti personaggi. Comunque, se si va presto, basta parcheggiare dentro ai Cancelli e, almeno fino alle 15,00 (l incredibilmente prevede il servizio solo fino a tale ora) ci sono i gentilissimi ausiliari delle cooperative che garantiscono il transito di eventuali ambulanze e, automaticamente, fanno da deterrente per estorsori e ladri.

Alfano ha fatto il solito inutile e vecchio discorsetto di ferragosto, raccontandoci di tutori dell in servizio e non in ferie a vigilare su di noi ed i nostri beni. Parafrasando la trasmissione di rai3 si potrebbe dire chi li ha visti, salvo qualche rara pattuglia di vigili urbani che come si sa per legge non possono fare certe azioni. Qualcuno invocava l di più poliziotti. Tanta altra gente da pagare quasi 2000 euro al mese per ottenere il medesimo risultato che vediamo tutti i giorni. Abbiamo il doppio di poliziotti rispetto alla Germania che però ha 80 milioni di abitanti. Visitate la Germania e fate il confronto con l pubblico italiano e vedrete la differenza. Di polizia ve ne è anche troppa in Italia, circa 350 mila persone il problema è farla uscire dagli uffici e farla girare per strada. In un paese civile non dovremmo avere “parcheggiatori” che si permettono di fare quanto hanno fatto a Martina, in un paese civile sarebbero in galera.

Ragazzi obbiettivamente segnalare un accaduto simile poi postarlo e ricamarlo con futili commenti un argomento del genere mi sembra infinitamente infantile.

Dalla creazione della terra è sempre successo qualcosa del genere, sono il primo che non lo giustifica, ma aprire una discussione su un argomento del genere è davvero, dal mio punto di vista, da vecchi bacucchi/e.

Non possiamo parlare e dimostrare il degrado di Roma con un argomento del genere che è sempre successo e succederà sempre e che succede in tutto il mondo.

Volete parlare di vero degrado o fare semplicemente discussioni o meglio gossip da bar?

Diamoci una regolata concreta e affrontiamo le problematiche vere cercando di risolverle concretamente e seriamente prima dal lato personale e poi sociale. il problema, come al solito,
ugg jimmy choo Decido di non pagare il pizzo ai parcheggiatori
sono i romani, anzi CERTI romani, quelli che pensano che tutto sia normale, solo perchè non hanno mai vissuto in una città civile.