ugg a roma Quelle misere riserve nostrane di gas e petrolio

ugg kensington sale Quelle misere riserve nostrane di gas e petrolio

Come abbiamo scritto più volte su queste pagine, in Italia l’industria estrattiva gode di un regime di esenzione e di costi delle concessioni esageratamente agevolato se pensiamo al resto del mondo, dove le aliquote sul valore del prodotto estratto oscillano tra il 20% e l’80%. Nel decreto sviluppo (decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012 recante “Misure urgenti per la crescita del Paese”) per esempio per le coltivazioni in mare le aliquote sono ora state appena rialzate: del 10% per l’estrazione del gas e del 7% per il petrolio. Ma neanche questo basta per questo settore, perché per l’industria il limite posto delle 12 miglia dalla costa è risibile e legato solo all’effetto emotivo del disastro della Deepwater Horizon del Golfo del Messico. Una cantilena, quella dell’emotività, che abbiamo già sentito in questi anni con il nucleare.

Il ministro Passera in questi mesi ha parlato di ingenti riserve di gas e petrolio sul nostro territorio (e ovviamente anche in mare) che potrebbero soddisfare il 20% dei consumi nazionali rispetto al 10% attuale, con relativi vantaggi economici per il Paese. Abbiamo spesso spiegato che queste risorse sono a conti fatti poca cosa (anche se non certo per chi potrà estrarle e trarne vantaggi nel breve periodo). Vediamo più nel dettaglio a quanto ammontano le “ingenti riserve” secondo un’analisi dell’Aspo Italia, l’associazione per lo studio del picco del petrolio.

Secondo i dati del MiSE, a fine dicembre 2010 spiega Aspo Italia le riserve ammontavano a un massimo di 103 miliardi di metri cubi di gas naturale e 187 milioni di tonnellate di petrolio, sommando tutte le diverse tipologie di riserve: certe, probabili e possibili. In base agli attuali consumi del Paese le riserve citate corrisponderebbero alla fine a circa 3/4 del fabbisogno di un solo anno.

Le riserve certe sono indicate in 66 miliardi di metri cubi di gas e in 77 milioni di tonnellate di petrolio. Considerando che 1 metro cubo di metano equivale a circa 0,7 kg di petrolio, si ha un totale di circa 50 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) di gas; in totale fra gas e petrolio saremmo sui 127 Mtep.

Se si considerano solo i consumi diretti di petrolio e gas annui, dice la nota di Aspo, possiamo affermare che il fabbisogno nazionale è di circa 75 miliardi di metri cubi all’anno di metano, per cui i 66 miliardi non equivalgono nemmeno al consumo di un solo anno. Se, come dice il Ministro, volessimo coprire il fabbisogno al 20% avremmo solo 4 anni di autonomia. Per il petrolio che consumiamo,
ugg a roma Quelle misere riserve nostrane di gas e petrolio
cioè circa 80 Mtep/anno, le stime sono ugualmente deludenti.

“I ragionamenti del ministro Passera vengono fatti sulla base del conto economico, ovvero in occasioni di profitto, non in riserve effettive di energia. Questo tipo di stime basate sulla carta e non sulla realtà fisica che ci circonda sono quelle che ci conducono alla situazione di crisi che stiamo sperimentando. Invitiamo caldamente il Ministro a fare i conti nel modo giusto: usando le unità di misura fisiche dell’energia, non quelle volatili e aleatorie del mercato economico”, ha concluso Aspo Italia. Dal loro punto di vista il gioco potrebbe valere la candela. Bisogna vedere se vale la pena per l’Italia. Fra l’altro, volendo, potrebbero anche sfruttare i giacimenti sotto costa con trivellazioni inclinate o orizzontali da terra, senza incorrere nei rischi dell’offshore. Quanto all’incidenza delle rinnovabili sul complesso dell’energia, forse il MSE conta su un tale crollo dell’economia italiana e dei consumi energetici, da raggiungere quella percentuale anche senza aggiungere un solo kW di potenza in più.

In effetti guardando la mappa dei giacimenti e le riserve stimate (dagli stessi concessionari) non sembra che il gioco valga la candela.

Per esempio, il giacimento Ombrina Mare al largo di Ortona (PE), per il quale il MSE sta proponendo la deroga al limite delle 12 mg dalla costa (il giacimento si trova a 4 mg), ha riserve stimate di 40 MMb (milioni di barili) equivalenti a 5,5 Mtep fonte: sito della Mediterranean Oil (MOG) titolare della concessione che alla fine equivale al 2% del consumo nazionale di un solo anno.

Insomma, se mettiamo a rischio il Mar Adriatico, almeno facciamolo per qualcosa di serio sul piano strategico, non per fare il solletico agli Emirati.

Ma il MSE ci ha abituato a numeri fantasiosi: come la promessa di aumento dell’incidenza delle rinnovabili elettriche da 20% (ob. Lisbona) al 35%, ma senza aumenti rispetto alla soglia del costo annuale di 6 Mld.
ugg a roma Quelle misere riserve nostrane di gas e petrolio